MISURE DI SICUREZZA PER L’EDUCAZIONE PERMANENTE

aggiornato al 30/08/2021

Riferimenti giuridici:
» Ordinanze presidenziali contingibili e urgenti
– n. 28 del 30 luglio 2021
– n. 29 del 27 agosto 2021

Premessa:
» Le presenti misure di sicurezza per l’educazione permanente sono state elaborate sulla base dell’attuale situazione epidemiologica. Le misure di sicurezza tengono conto delle esigenze formative e dell’evoluzione della situazione pandemica sul territorio provinciale nonché delle esigenze specifiche in materia di sicurezza sanitaria.
» Le misure sono valide fino alla revoca e possono essere aggiornate secondo gli sviluppi epidemiologici e rispettive disposizioni di legge.

Disposizioni di sicurezza:
» Per accedere alle iniziative e alla nostra sede è obbligatorio esibire la certificazione verde (green pass) che viene rilasciata a seguito:
a) dello stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2;
b) della guarigione dall’infezione da SARS-CoV-2 (non oltre i 6 mesi);
c) dell’effettuazione di un test per la rilevazione del SARS-CoV-2 con esito negativo
» Negli spazi chiusi sono consentite in presenza solo le attività formative svolte in modo statico con posti a sedere.
» Si deve mantenere una distanza di sicurezza di almeno un metro.
» Alle attività formative si può accedere solo previa iscrizione.
» I partecipanti e i docenti devono indossare una mascherina chirurgica, o equivalente, per tutta la durata dell’attività.
» Si devono garantire la pulizia regolare e l’igiene degli ambienti.
» Si devono garantire, dove possibile, un’adeguata areazione naturale e un adeguato ricambio d’aria.
» Bisogna garantire un’ampia disponibilità e accessibilità ai dispositivi di disinfezione delle mani.
» Devono essere previste regole d’accesso per evitare il sovraffollamento all’interno dei lo cali, dei corridoi e nei dintorni, che renderebbe impossibile mantenere una distanza interpersonale sicura.
» Avvisi esplicativi e cartelli riguardanti le misure di sicurezza devono essere affissi in luoghi visibili.
» Le strutture informano i partecipanti sulle misure di sicurezza in vigore.
» Se gli eventi si svolgono in altri luoghi che non sono gestiti dagli organizzatori, questi ultimi verificheranno che le regole di sicurezza possano essere rispettate.
» Qualora un’attività preveda la somministrazione di cibi e bevande si seguono le regole previste per la ristorazione.